Migliore pratica nella ERCP: migliorare la rimozione dei calcoli del dotto biliare comune

La colangiopancreatografia retrograda endoscopica (ERCP) è una procedura importante usata per trattare una serie di malattie pancreatobiliari ostruttive come i calcoli del dotto biliare comune (CBDS). Tuttavia, come per tutte le procedure endoscopiche complesse, c'è un continuo bisogno di miglioramento procedurale e di sviluppo di dispositivi che aumentino l'efficienza del trattamento.  In questo articolo, delineiamo l'attuale comprensione delle migliori pratiche per il trattamento dei CBDS ed esploriamo come i progressi nel design delle apparecchiature stiano permettendo una rimozione dei CBDS più sicura e veloce.

Gastroenterologia
  • Condividi informazioni:

Lo spettro delle tecniche efficaci di rimozione delle pietre 
La procedura usata per la rimozione dei CBDS dipende da una serie di fattori, tra cui l'anatomia del paziente e le dimensioni o il numero di calcoli presenti. Le procedure raccomandate per la rimozione dei calcoli sono delineate dalla Società Europea di Endoscopia Gastrointestinale (ESGE), e comprendono 1 : 

  • Estrazione tramite sfinterotomia e palloncino e/o cestello - entrambi sono ugualmente efficaci secondo l'ESGE.
  • Sfinterotomia limitata combinata con procedura EPLBD (Endoscopic Papillary Large Balloon Dilation) per casi difficili (previsione di sfinterotomia fallita più palloncino e/o cestino).
  • Se l'estrazione dei calcoli con EPLBD fallisce, si può considerare la litotripsia meccanica. 
  • Posizionamento di uno stent di plastica temporaneo nei casi difficili in cui l'estrazione dei calcoli è incompleta o è fallita. 
  • Un palloncino di estrazione aiuta nella rimozione dei CBDS. Il palloncino viene fatto avanzare nel dotto biliare oltre il calcolo prima di essere gonfiato. Il palloncino viene poi retratto, catturando il calcolo prima che entrambi vengano tirati attraverso l'ampolla. 
  • I cestelli di recupero sono in grado di accogliere un'ampia gamma di dimensioni di calcoli. Maggiori informazioni su questi dispositivi si trovano nella nostra serie di guide pratiche Olympus.  

Vedere la Guida pratica ERCP Parte 2: ERCP con estrazione di calcoli 

Linee guida sul posizionamento degli stent nelle procedure di rimozione dei calcoli 
Le linee guida ESGE forniscono informazioni sul posizionamento degli stent nella rimozione dei calcoli. Per esempio, nei pazienti con calcoli biliari irrecuperabili che giustificano un drenaggio biliare, raccomandano di non utilizzare lo stent definitivo, a causa degli alti tassi di complicazione. Le linee guida raccomandano comunque il posizionamento endoscopico di uno stent in plastica in pazienti con rimozione incompleta del CBDS e consigliano di rimuovere gli stent entro 3-6 mesi per evitare complicazioni infettive 1 . 

Progressi nelle attrezzature per la gestione della pietra 
Con l'esperienza e la comprensione pratica delle procedure ERCP, i fornitori MedTech si trovano in una posizione ideale per aiutare a semplificare il trattamento del CBDS. Per esempio, Olympus offre una suite di soluzioni dedicate alla gestione dei calcoli. Ciò include i palloncini di estrazione Multi-3 V Plus, oltre ad una gamma di cestelli per la rimozione dei CBDS tra cui TetraCatch V, FlowerBasket V e VortiCatch V - che cattura i calcoli biliari nelle tasche del dotto biliare. StoneMaster V offre una soluzione combinata in cui il coltello EST (sfinterotomo) e il palloncino di dilatazione multidimensionale sono combinati in un unico dispositivo endoscopico per la procedura EST + EPLBD/ EPBD. 

Per ampliare ulteriormente l'esperienza degli operatori, Olympus fornisce anche una linea completa di prodotti di facile accesso e sessioni di addestramento virtuali o faccia a faccia dedicate alla gestione dei calcoli difficili nonché a molteplici altre tecniche ERCP 

Riassunto

Sebbene sia una condizione relativamente comune, la rimozione di calcoli biliari grandi o multipli può essere impegnativa con le apparecchiature convenzionali. Tuttavia, una maggiore comprensione delle esigenze dei medici sta permettendo la progettazione di dispositivi di gestione dei calcoli più efficienti che stanno migliorando la sicurezza del paziente e riducendo i tempi delle procedure.