Mobile Version Hide

Sembra che tu stia navigando con Internet Explorer 6. Questo browser è ora superato.
Per una navigazione più sicura e affidabile, si raccomanda di aggiornare il browser ad uno dei seguenti:

Firefox / Safari / Opera / Chrome / Internet Explorer 8+

Natura e fauna selvatica

I nuovi obiettivi F1.2 PRO sono progettati specificatamente per la fotografia di ritratto e di reportage. In particolare, l'obiettivo M.Zuiko Digital ED 45mm F1.2 PRO si è già fatto un nome nella fotografia di ritratto grazie al suo angolo di visione e al suo luminosissimo diaframma massimo 1.2, ma soprattutto grazie al suo bokeh particolarmente morbido. Ogni fotografo ne loda la transizione nitidezza/sfocatura e il delicato sfondo. Ho pensato che questo obiettivo potesse essere adatto anche per la fotografia naturalistica, soprattutto in primavera, quando ogni cosa ricomincia a germogliare e a fiorire. Ho pensato di sfruttare questo periodo dell'anno per provare l'obiettivo e fare degli esperimenti in questo genere fotografico. Un mio amico fotografo che utilizza una Nikon, si affida ad un obiettivo Walimex Pro 135mm F2.0 proprio per questo scopo, dato che anch'esso offre un morbido bokeh che conferisce alle immagini un carattere molto speciale.

Così siamo usciti insieme qualche volta per mettere a confronto i diversi effetti che ottenevamo. Con il formato Micro Quattro Terzi bisogna tenere a mente che per ottenere lo stesso angolo di visione è necessaria una lunghezza focale più corta e l'effetto sfocato risulta inferiore. Si può dire che l'M.Zuiko Digital ED 45mm F1.2 PRO ha un angolo di visione equivalente a quello di un obiettivo da 90mm nel formato 35mm e la profondità di campo di un obiettivo da 45mm. Ciò comporta una differenza di circa 2 diaframmi che lo rende sostanzialmente simile al Walimex.
La morbidezza del primo piano e dello sfondo è piacevolissima e l'estrazione è, nella maggior parte delle situazioni, adatta per fotografare le piante.
La minima distanza di messa a fuoco di soli 0,5 m offre ulteriori interessanti possibilità. È importante, inoltre, sottolineare che a una distanza inferiore del 33%, i due diaframmi di differenza di profondità di campo si annullano rispetto al formato 35mm. E che questo è generalmente un punto a favore di Olympus. Ad esempio, il Sigma 85mm F1.4 ha una distanza minima di messa a fuoco di 85 cm, mentre il già citato Walimex di 80 cm, che è più della differenza del 33% menzionata prima e perciò sono paragonabili in termini di estrazione.

Ovviamente, è impossibile ottenere immagini perfettamente identiche, ma questa infinita discussione sul fatto che il formato Micro Quattro Terzi non possa dar vita a immagini con una profondità di campo ridotta come quella del formato 35mm è semplicemente fuorviante. Basta semplicemente adottare un approccio creativo leggermente diverso e gli obiettivi giusti.
Con un peso di 410g e un design compatto, la OM-D E-M1 Mark II è facile da gestire e lo schermo orientabile consente anche ai fotografi con meno mobilità di scattare più agevolmente con la fotocamera posizionata in basso. Adoro la libertà che offre.
L'obiettivo offre un'eccellente nitidezza e non mostra praticamente errori di colorazione, proprio come tutti gli altri obiettivi Olympus PRO. Soprattutto con gli obiettivi molto luminosi, ho sempre riscontrato aberrazioni cromatiche longitudinali. È capitato con tutti i marchi con cui ho lavorato nel formato 35mm, anche con quelli di fascia PRO (ad es. aloni viola e verdi prima e dopo il piano focale). Come è risaputo, questo problema non può essere risolto utilizzando un software.

Il rivestimento ottico protegge l'obiettivo dalla polvere e dall'acqua, rendendolo perfetto per essere utilizzato nei campi, nei boschi e nei prati con qualsiasi condizione atmosferica. Non ci si deve preoccupare di appoggiare questo obiettivo a terra in un prato ricoperto di rugiada.
Da quando ho fatto questi test, gli riservo sempre un posto nello zaino quando viaggio: si è dimostrato un ottimo strumento in numerose situazioni, soprattutto per ritrarre immagini delicate o atmosfere da sogno.

Autore & Fotografo: Andreas Geh

Galleria di immagini

Tutte le immagini sono state riprese con la seguente attrezzatura